Disturbi e Terapie

DISTURBI

La Disfunzione sessuale è una problematica complessa caratterizzata da un’anomalia che riguarda il processo che sottende il ciclo di risposta sessuale: un processo continuo che si compone di 5 fasi: desiderio, eccitazione, plateau, orgasmo e risoluzione.

Nonostante gli alti livelli di emancipazione sessuale, le disfunzioni sessuali femminili hanno un’incidenza drammaticamente elevata (ne soffre il 45% della popolazione femminile) e purtroppo volutamente misconosciuta.

I disturbi sessuali femminili si possono manifestare in vario modo: scarso desiderio sessuale, difficoltà a eccitarsi o a mantenere l’eccitazione per il tempo necessario al completamento del rapporto sessuale, mancanza di orgasmo e dolore durante i rapporti sessuali. Uno dei disturbi dell’eccitazione femminile è l’incapacità di raggiungere e attraversare le fasi di una normale eccitazione sessuale: a differenza di quanto avviene normalmente non si verifica o si riduce il turgore dei genitali esterni, la lubrificazione vaginale è insufficiente se non addirittura assente. Ne consegue che spesso la donna affetta dal disturbo non percepisca alcuna sensazione di attivazione sessuale.

Un ruolo importante nel ciclo sessuale è svolto dagli ormoni questi stimolano e attivano i centri cerebrali capaci di tradurre una fantasia o un desiderio erotico in una risposta anche fisica. Naturalmente questa risposta fisica si propaga a tutto il corpo della donna, concentrandosi nelle aree più sensibili alla sessualità, tra cui i genitali, il seno, la pelle.

CAUSE

I disturbi sessuali femminili sono disturbi multifattoriali che possono derivare sia da componenti fisiologiche sia da una serie di fattori sociali, culturali, religiosi, emozionali e psicologici. Se non adeguatamente trattati hanno un impatto negativo sulla qualità di vita e sulla relazione con il partner: sono spesso a loro volta causa di stress e/o disagio personale e/o di coppia.

Il desiderio sessuale e la risposta sessuale possono essere condizionati da fattori inerenti la salute generale e riproduttiva. Numerose condizioni cliniche, interventi chirurgici e patologie croniche (come  diabete, ipertensione arteriosa, incontinenza urinaria, depressione) possono esercitare un impatto negativo sulla sessualità femminile sia per azione diretta sui circuiti anatomo-funzionali che sottendono la risposta sessuale, sia per i risvolti psico-relazionali che sempre accompagnano uno stato di malattia e/o disabilità.

Anche lo stile di vita in generale, il tabagismo, l’alimentazione, l’attività fisica (scarsa o eccessiva), e lo stress che caratterizza il quotidiano sono in grado di modulare l’espressione sessuale della donna, inducendo cambiamenti significativi nel desiderio, nell’eccitamento, nell’orgasmo e nella soddisfazione sessuale.

COSA FARE?

I disturbi sessuali femminili possono essere fonte di imbarazzo, preoccupazione e disagio psicologico accompagnato, spesso, da un calo dell’autostima. Esistono vari modi per affrontare questo disturbo e riuscire a vivere in maniera sana e appagante il rapporto sessuale. Innanzitutto vale la pena parlare senza remore con il proprio ginecologo e seguire con fiducia l’iter diagnostico suggerito e i trattamenti prescritti. Inoltre, manifestare al proprio partner lo stato di disagio può dare un importante contributo per affrontare costruttivamente il problema.

Contrariamente al recente passato, oggi la fitoterapia è in grado di offrire dei prodotti efficaci, appositamente formulati, per affrontare con successo il disagio derivante dai disordini sessuali femminili.

Impiego razionale nel trattamento sistemico dei disturbi sessuali trovano oggi i preparati a base di adattogeni (Rhodiola Rosea, Schisandra Chinensis, Muira Puama).

Gli adattogeni sono infatti attivi in grado di ridurre lo stress, migliorare le prestazioni fisiche, ottimizzare le secrezioni ormonali e il rilascio di alcuni neurotrasmettitori cerebrali coinvolti nella risposta agli stimoli sessuali. Assunti regolarmente contribuiscono a ristabilire, senza effetti collaterali degni di nota, la delicata omeostasi (equilibrio tra sostanze favorenti e inibenti la risposta sessuale) caratteristica degli stati di benessere.

 

 

IT 76J0521616903000002760980 Rimuovi